L'Atelier Tattoo Magazine N° 3 - Marzo 2020

In: Magazine

Tattoo Magazine Marzo



Editoriale



Cosa c’entra il coronavirus con il mondo del tatuaggio?

Le reazioni dell’italiano medio, tra psicosi e qualunquismo.

Non vi romperò le balle improvvisandomi tuttologo di coronavirus come stanno facendo in troppi, però quello che sta succedendo con il coronavirus mi ha fatto ragionare su un paio di cose riguardanti il nostro settore ed il tutto calza a pennello con l’argomento dell’articolo di questo mese.

Le reazioni che ha scatenato la notizia del coronavirus sono divise tra chi é in preda alla psicosi e chi invece dice che è solo una mossa mediatica per far calare a picco i mercati e affossare la Cina.

Tagliando corto, come sempre c’è chi esagera e chi minimizza, sottovalutando il problema.

Solo una piccola percentuale di sapiens evoluti si prende la briga di informarsi da fonti serie, provare a capire il problema, cercare di mantenere una dovuta calma ma nello stesso tempo prendere tutte le precauzioni del caso, anche se rigide e drastiche per prevenire dei problemi che potrebbero diventare seri se andassero fuori controllo.

Il problema c’è, può essere moderatamente pericoloso, quindi vanno attuate tutte le misure PREVENTIVE.

Dove ho già visto questa situazione?

Nel mondo del tatuaggio, dove molti non hanno idea di cosa sia la parola “prevenzione”.
Non sono un tatuatore ma sono in questo mondo da molti anni e, sinceramente, posso dire di aver visto cose che non avrei voluto vedere.

  • Tatuatori che lavorano senza manicotti con il rischio di prendersi dei funghi e attaccarli ai clienti.
  • Prendere pennarelli e vaselina con i guanti sporchi che stava usando per tatuare.
  • Usare i pennarelli non monouso su un tatuaggio che sanguina e poi riutilizzarli su altri clienti.
  • Lavorare senza coprire macchinette, cavi e non isolare le zone di contatto come lampada e spruzzino.

Questo e molto altro.
Ogni giorno anche tu hai a che fare con dei virus, dai più pericolosi come epatite e HIV a quelli meno come funghi e batteri.

Una delle prime cose che dovresti sapere per darti una svegliata è che, in ambiente sanitario, circa l’80% dei contagi avvengono da paziente ad operatore, e solo una piccola percentuale tra paziente e paziente.

Questo dovrebbe farti capire che essere maniacali nel seguire alla lettera le regole base per prevenire i contagi, serve prima di tutto a preservare la tua salute se vuoi continuare a fare questo lavoro per molti anni, e subito dopo la salute dei tuoi clienti, sia per etica professionale sia per evitare di prenderti una denuncia e farti mangiare la casa.

È ora di smetterla con le frasi tipo:
“Si è sempre fatto così e non è mai successo niente”
“Con il grembiulino e mascherina sono scomodo e fa caldo quindi non li metto”

Il mondo del tatuaggio si sta evolvendo, lo studio di un tatuatore sta diventando sempre più simile allo studio di un dentista ed è quella la direzione che devi prendere già da adesso, perché solo chi si evolve sopravvive.
La trasformazione di questo settore è già cominciata e Tu non puoi rimanere indietro.



Daniele Rizzioli

L'Atelier Tattoo Magazine



Dynamic Hello Pen


Miaopera C'era una volta il web

“Supponiamo che TUTTO possa essere collegato a tutto”

Questa, in sintesi, fu l’idea di Sir Timothy John Berners-Lee che, probabilmente senza avere ancora un’idea chiara di cosa sarebbe successo in futuro, stava gettando le fondamenta per un cambiamento epocale e culturale.

12 Marzo 1989

31 anni fa nasceva il WWW (World Wide Web).
31 anni fa cambiava, per sempre, il mondo.

Oggi è praticamente impensabile svolgere qualunque tipo di attività (commerciale o artigianale che sia) senza l’ausilio di quello che oggi, comunemente, chiamiamo “Internet”.
Reperire informazioni, comunicare e pubblicizzare la propria attività, ora anche la parte fiscale dell’azienda è riversata “online” ed è così sempre più indispensabile “essere connessi”.

Cosa è cambiato nel mondo del tattoo con questa rivoluzione tecnologica?

La velocità.
Tutto corre veloce, migliaia di immagini inondano i social ed anche l’arte del tatuaggio, quella che un tempo era una “nicchia”, una passione di pochi e per pochi, oggi è diventata moda, tutto è permesso, non ci sono più limiti.

Questo “tutto”, da molti, viene vissuto come “nuova forma di libertà”, finalmente puoi avere un tatuaggio e trovare lavoro senza essere giudicato, puoi decidere cosa fare del tuo corpo senza che, guardandoti, debbano per forza associarti alle tradizioni marinare o carcerarie di un tempo.

Meglio o peggio?



Difficile dirlo, i “vecchi” del tattoo, quelli che si sono affacciati a questo mondo quando era ancora un taboo per pochi e di pochi fanno fatica ad accettare che si sia persa l’etica estetica, artistica e professionale di questo lavoro.
I “giovani” che hanno madri e padri tatuati, che “ce l’hanno tutti”, non hanno un limite culturale in questo senso e “il primo tatuaggio lo faccio sul collo, sulla mano o in faccia”.
Non siamo qui a fare i giudici, possiamo solo sottolineare un aspetto indiscutibile:

Anche per il tatuatore è cambiato tutto.

Se le richieste (a volte pretese) dei clienti possono risultare “difficili” da sopportare ed affrontare nel quotidiano, possiamo però dire che la tecnologia, oggi, permette di migliorare radicalmente il metodo di lavoro e la disponibilità di materiali ed attrezzature.

  • ORDINA e RICEVI Oggi puoi consultare comodamente il nostro sito, farti spedire il materiale in 24 ore e riceverlo comodamente in studio, la spedizione la paghiamo noi.
  • SCOPRI le NOVITÁ Nuove attrezzature, nuovi materiali, nuovi prodotti, sempre pronti nei nostri magazzini
  • ORGANIZZATI Gestisci l’agenda digitale, comunica con i tuoi clienti, tutto aggiornato e disponibile su qualunque dispositivo
  • ISPIRATI Il web, se usato bene, è una fonte inesauribile di idee, spunti e informazioni. Imparare a distinguere e scegliere ciò che ti serve è fondamentale perché, purtroppo, i rischi di rivolgerti al venditore sbagliato per i tuoi acquisti e ricevere prodotti di scarsa qualità è sempre più facile.



Siamo sicuri che tutto è cambiato e tutto ancora cambierà, la tecnologia avanza senza sosta.
Siamo altrettanto certi che Noi cambieremo, impareremo e cresceremo per darvi sempre il nostro meglio!




L'Atelier Tattoo Magazine




Blueice



Aiutare il pianeta mentre sei seduto alla tua scrivania?
In un certo senso si può! Lo sapevi?

Christian Kroll è un ragazzo Tedesco che, nel 2009, ha fondato ECOSIA in collaborazione con WWF e Yahoo.
Un motore di ricerca per il web, efficiente, sicuro, innovativo.
80% dei ricavi viene destinato alla riforestazione.

Prova Tu stesso
www.ecosia.org


Ecosia Browser Web

L'Atelier Tattoo Magazine


Le nostre Recensioni



IL 2020 è cominciato e, senza ombra di dubbio, l’argomento più cercato, più discusso e più temuto ha certamente un nome: Coronavirus.

La velocità ed il disordine nella diffusione delle notizie, figlia dell’epoca digitale, quella 2.0, ha permesso a questa fobia di trasmettersi molto più velocemente del virus stesso.

La paura e la cattiva informazione hanno spinto gran parte della popolazione a proteggersi dalla possibilità di contagio, le mascherine sono andate a ruba, i ristoranti svuotati e persino Amazon ed altri colossi del commercio digitale hanno reso noti importanti cali delle vendite per tutti quei prodotti provenienti dalla Cina.

Fobia, paura, disinformazione.

Vogliamo iniziare così questo articolo, sfruttando un tema ricorrente ed attuale (nel 2020!) per introdurre un tema che merita grande attenzione da parte di tatuatori, estetisti e tutti coloro che, quotidianamente, lavorano a contatto con sangue e lesioni cutanee (come quelle provocate dallo stesso tatuaggio).

Le contaminazioni crociate.

L’aria che respiriamo, l’ambiente che ci circonda, gli stessi vestiti che indossiamo sono naturalmente “popolati” di batteri, virus ed altri agenti invisibili all’occhio umano ma molto pericolosi per l’organismo.
Normalmente la nostra pelle funziona da “scudo” e ci protegge da questi rischi presenti nel mondo esterno ma, nel caso ad esempio di piercing o tatuaggi, quella naturale protezione del nostro corpo viene scalfita ed i rischi di contaminazione aumentano in modo esponenziale.

Le precauzioni che possiamo prendere sono essenzialmente due:
rendere l’ambiente circostante “meno aggressivo” possibile evitare di trasformarci in “mezzi di trasporto” per virus e batteri, contaminando le superfici che tocchiamo.

Noi non possiamo (e nemmeno lo vogliamo) sostituirci in alcun modo a quelli che sono i Regolamenti e le disposizioni Regionali in materia di tatuaggio e piercing ma vogliamo comunque consigliare alcuni accorgimenti da tenere per mettere in atto quella che, in gergo sanitario, si chiama “Riduzione del rischio”.

E TU, DAI I CONSIGLI GIUSTI AI TUOI CLIENTI?

Prima: Chiedi ai tuoi clienti di lavare in modo accurato la zona da tatuare, indumenti da lavoro molto sporchi non sono i benvenuti in studio, non farli entrare con le scarpe nella sala di applicazione o dagli dei copri-scarpe!

Dopo: Nei “Consigli per la cura” del tatuaggio ricordati di specificare bene le modalità di lavaggio, asciugatura e copertura della zona lesa.
Ricordagli di evitare il contatto con fibre sintetiche, di evitare l’esposizione al sole, peli di animali o ad altri fattori irritanti.
Sul nostro sito e nei nostri punti vendita anche i tuoi clienti possono trovare creme, pellicole, detergenti e tutto quello che gli serve per la cura del tattoo!

Ricordati che per Te è scontato, per il cliente NO!

Qualche indicazione utile vogliamo darvela!

Il cliente, la sua cute, i suoi indumenti

La pelle del cliente NON è una superficie sterile, occorre disinfettarla con cura ed accertarsi che, nella zona interessata, non vi siano chiari segni di patologie della cute (eczemi, psoriasi, dermatiti, ecc…).

Esistono in commercio disinfettanti chiamati “AD AMPIO SPETTRO” per cute INTEGRA che, utilizzati e lasciati agire come specifica l’etichetta del prodotto stesso, vanno a neutralizzare la maggior parte di patogeni presenti.

Anche i vestiti sono dei “mezzi di trasporto” per i batteri, sarà bene quindi evitare che il cliente, durante la seduta, indossi vestiti molto sporchi (ad esempio abiti da lavoro, ecc...). Educare i clienti all’igiene ed alla cura è fondamentale, mai scontato.

Pulire la postazione

L’ambiente, come abbiamo detto, è un contenitore pieno di “cose” anche invisibili all’occhio umano e, vista la premessa, è necessario disinfettarlo e proteggerlo dalle possibili contaminazioni.

Anche per la pulizia delle superfici esistono molti tipi di disinfettanti ad ampio spettro con caratteristiche di uso e applicazione diverse. I vari formati (concentrati, spray, salviette, ecc…) si adattano bene ad ogni superficie o attrezzatura da pulire e presentano, indicati sulla confezione, modi e tempi di utilizzo.
La pulizia della sala di applicazione va eseguita, in modo approfondito, prima e dopo OGNI SEDUTA (per molti sarà scontato, ma vogliamo comunque precisarlo!).
Le superfici devono essere lavabili e resistenti ai disinfettanti di cui sopra come correttamente spiegato dalle normative Regionali.

Proteggere e proteggersi

Le barriere di protezione sono fondamentali per tutte le superfici e tutto ciò che può entrare in contatto con il sangue. Pellicola, copri macchinetta, copri clipcord...esiste una gamma di completa di prodotti che possono aiutarti a coprire e proteggere tutto quello che tocchi durante la seduta.
DPI (dispositivi di protezione individuale) sono obbligatori ed indispensabili.
Guanti, mascherine, occhiali, manicotti, camici, c’è tutto quello che ti serve. Ricordati che se ti “sporchi” i vestiti che indossi mentre tatui il cliente ti “porti a spasso” (e quindi anche in casa tua) tutti i batteri, virus, ecc...Vale la pena sopportare la “scomodità” ma non mettere a repentaglio la tua sicurezza!

Le precauzioni non sono mai troppe quando si parla di igiene e prevenzione.

Il contatto quotidiano con sangue e liquidi potenzialmente infetti, unito al rischio continuo (anche se poco frequente) di ferirsi rende proprio il tatuatore quello che “rischia di più”.

Sì, hai capito bene, sei Tu che rischi, molto di più dei tuoi clienti!
Erroneamente parlando di rischi, forse perché chi “soffre e perde sangue” durante la seduta è il cliente, siamo abituati a pensare che il rischio non ci riguardi...

Niente di più SBAGLIATO

Sei Tu che, ogni giorno tocchi la cute lesa dei tuoi clienti, respiri la loro stessa aria e lavori in quell’ambiente per ore ed ore...

Pensi sia un buon motivo per stare più attento a come ti muovi ed ai prodotti che usi in studio?

Editoriale


Editoriale



Può davvero una stampante per stencil migliorare il tuo modo di lavorare?

Come potrebbe farlo?

Essendo più precisa
Facendoti risparmiare tempo
Facendoti risparmiare carta

E poi magari potrebbe essere anche piccola e leggera in modo da poterla portare con te quando lavori in convention….

Troppo bello?

Se non conosci ancora la stampante per stencil
brother “pocket Jet”
forse dovresti andare avanti a leggere…

Questa stampante per stencil è di un livello superiore a tutte le sue “cugine” sul mercato, ti spiego subito per cosa si differenzia.

Come ti ho già detto è più precisa, la sua migliore di qualità di stampa su fogli da stencil ti permette di riprodurre anche i disegni con più dettagli, arriva addirittura a riprodurre un ritratto quasi fedelmente, questo ti da un doppio beneficio:

Non dovrai più metterti a rifinire o ripassare il calco a mano risparmiando ore di lavoro (e non sto scherzando quando dico ore).
Potrai far vedere al cliente un calco molto più reale e più simile al risultato finale, eliminando ogni sua insicurezza.

Un’altra particolarità di questo gioiellino è che è collegata direttamente al PC

Anzi meglio ancora...
Ciascun modello è dotato di connettività avanzata e delle moderne tecnologie wireless, a seconda delle esigenze: USB, Bluetooth, MFi o WiFi Direct, consentendo così la stampa da diversi device come PC, computer portatili, tablet o smartphone.
Puoi mandare in stampa il tuo calco direttamente su carta da stencil come se fosse una normale stampante!

Questo vuol dire che finalmente non dovrai più sprecare quintali di fogli.
Eliminerai il passaggio inutile e fastidioso di dover stampare su carta e poi dover passare la copia dentro la vecchia ed obsoleta stencilatrice.

Così risparmierai tempo, risparmierai soldi e darai anche una mano all’ambiente smettendola di sprecare carta inutilmente.



Brother

Allerte colori



Easy Tattoo

Eventi



Emilia Tattoo Convention

EMILIA TATTOO CONVENTION 2020

Dove?

FICO Eataly World via Paolo Canali, 8 40128 – Bologna

Quando?

20 - 21 - 22 Marzo 2020



La prima edizione di questo evento si tenne nell’ormai lontano 1993 e ancora oggi,
si guadagna il suo posto tra le tattoo convention più interessanti a livello nazionale.




Verona Passion Art

VERONA Passion Art Tattoo 2020

Dove?

Palazzo della Gran Guardia piazza Bra, 37121 – Verona

Quando?

27 - 28 - 29 Marzo 2020



Passion Art Tattoo organizza la Verona 2020 Tattoo Convention, un nuovo format,
Venerdì un’intera giornata dedicata SOLO ai tatuatori, un momento di incontro tra professionisti con
2 workshop sul tatuaggio tenuti dai migliori artisti italiani e sulle strategie di marketing.
Sabato e Domenica full immersion di lavoro aperto al pubblico.




Frida Kahlo

VISIONI DELL’INFERNO

Dove?

Palazzo Roncale piazza Vittorio Emanuele, 25 45100 – ROVIGO

Quando?

dal 28 Febbraio al 28 Giugno 2020



L’Inferno in versione ottocentesca non poteva che essere quello, universalmente noto, del francese Gustave Doré, di cui in mostra sarà l’intero corpus di 75 tavole.
Per evocare l’Inferno in versione novecentesca, sono state riunite le immagini di “Dante’s Inferno (1958–60)” dello statunitense Robert Rauschenberg.
Un’artista donna, la tedesca Brigitte Brand è stata, infine, chiamata ad illustrare l’Inferno con occhi e sensibilità di oggi.




Alfred Hitchcock

VIAGGIO OLTRE LE TENEBRE

Dove?

Palazzo Reale piazza Duomo, 12 20122 – Milano

Quando?

dal 5 Marzo al 14 Giugno



Promossa da Comune di Milano|Cultura, Palazzo Reale, Civita Mostre e Musei e Laboratoriorosso, la mostra “Viaggio oltre le tenebre”.
Tutankhamon RealExperience® è un’esperienza coinvolgente e, in parte, immersiva, per raccontare il viaggio “oltre le tenebre” del piu famoso dei faraoni e illustrare la concezione dell’aldila degli antichi Egizi.

Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Registrare

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password